skip to Main Content
La Perla Delle Dolomiti

La Perla delle Dolomiti

Ho incontrato Michil Costa ad un convegno a Milano, nel Novembre 2013: “L’economia a misura d’uomo”, al Centro Congressi della Fondazione Cariplo. L’organizzatore era SAT ITALIA, ed a quell’incontro erano presenti, oltre a Michil Costa, Titolare dell’Hotel La Perla di Corvara, anche Hans Peter Dejacum, Direttore Marketing della Loaker. Ma soprattutto c’era Claudio Naranjo.

Naranjo non è un politico, un imprenditore, un economista. Semplificando, è uno psicologo.

Michil Costa è un imprenditore, in Alto Adige, a Corvara. In uno dei luoghi più belli della terra. Ciò che univa persone così diverse (e c’erano anche dei banchieri, non bancari), era un obiettivo fondamentale. Mettere al centro dell’economia l’uomo. Non riportarlo, mettecerlo proprio. Perché nessun sistema produttivo, sia esso capitalistico o socialista, lo ha mai fatto. Il turismo vende un prodotto paragonabile al profumo: non lo tocchi, non te lo porti a casa, non te ne appropri. Puoi sentirlo sulla pelle, ricordandolo puoi evocare profumi e suoni e silenzi e sapori. La bravura di Michil è quella di offrire un’esperienza lussuosa (anche per il prezzo, da 680,00 euro a persona) di prodotto, considerando il suo cliente un ospite. Un ospite felice, sia per l’ambiente naturalistico che lo circonda, sia per l’ambiente dell’hotel che lo accoglie. Al centro delle attenzioni di Michil c’è, prima del cliente, il suo personale. Il compenso più alto può essere al massimo 5,7 volte superiore rispetto a quello di uno stagista; fate i vostri conti. Il personale si ritrova ogni venerdì alle 11.00, per discutere del bene comune. Ecco dunque che il prodotto si svincola dall’essenza propria di consumo, e si trasforma nel possesso di un bene comune, per il quale delle persone agiscono per il benessere di tutto il sistema. Ecco dunque che anche il dipendente entra nel circuito dell’ospite, perché ha diritto ad usufruire dei servizi dell’hotel, che è sì una proprietà imprenditoriale, ma è un bene comune, al buon funzionamento del quale tutti: proprietà, dipendenti, clienti partecipano col proprio ruolo ed il proprio impegno. Dobbiamo abituarci a questo prodotto, se vogliamo superare il cambiamento epocale del nostro intendere il consumo: da bene esclusivo a bene comune.

Back To Top
×Close search
Cerca