skip to Main Content
Cambio!

Cambio!

La persona, non il prodotto; per tutto il XX Secolo, ci siamo convinti che dovevamo consumare tutti di più, di tutto. Prodotti, servizi, tutti dovevamo avere tutto, a costo di appiattirci per gusto e libertà. Oggi cambiamo: il nostro prodotto deve essere ciò che serve, deve essere bello, deve essere disponibile quando ne ho bisogno: dal pagare per avere al pagare per godere.

 

Design efficiente e a basso consumo (0 rifiuti). Da sempre lo sappiamo: viviamo un’esperienza terrena limitata, su un pianeta con risorse finite, in un universo dinamico ed instabile. Il metodo di produzione “in linea” non può soddisfare queste premesse. È necessario passare ad un sistema circolare o, se preferiamo l’astronomia alla fisica nucleare, ellittico: dall’obsolescenza programmata al valore del product lifetime.

 

Design di qualità. Dobbiamo puntare ad una generale-popolare acquisizione di prodotti e soluzioni ad alto livello e con valore aggiunto. I prodotti ed i servizi devono essere convenienti, sostenibili, positivi, affidabili, durevoli: in tutta la filiera. Dal design allo smaltimento. È evidente che l’attuale modello di business e di fruizione del prodotto-servizio è obsoleto: dobbiamo passare dal singolo consumatore alla rete di fruizione.

 

Fedeltà. Ad oggi, la fedeltà è quella che l’azienda chiede ai propri clienti, affinché acquistino sempre i suoi prodotti. Abbiamo bisogno di aziende nuove e consumatori coraggiosi: chiediamo all’Azienda fedeltà ai nostri principi, alla nostra cultura, alla nostra umanità. Allora, il prodotto sarà una derivata del nuovo rapporto.

 

Quattro punti, solo per ridefinire come dovrebbero essere i prodotti per il nuovo millennio, per soddisfare una impellente e inderogabile necessità di oltre 7.500.000.000 di persone (in crescita ed in movimento)

Back To Top
×Close search
Cerca